Ascensore di Gruppo Millepiani in Florim Ceramiche: il racconto del progetto
29
Lug

Ascensore di Gruppo Millepiani in Florim Ceramiche: il racconto del progetto

Ascensori, Case Studies

Anche FLORIM S.p.A. leader mondiale dell’industria rivestimenti in ceramica ha scelto Gruppo Millepiani per la realizzazione di un elevatore dal design innovativo ed altamente personalizzato installato presso il suo nuovo FLAGSHIP STORE nel cuore della city di MILANO di via Foro Bonaparte 14. Ecco il racconto del progetto.

L’ascensore installato in Florim è una piattaforma elevatrice elettrica completamente panoramica con i meccanismi delle porte installati nella parte inferiore della cabina per renderli visibili il meno possibile. La necessità del cliente era quella di avere un ascensore di rappresentanza ma allo stesso tempo funzionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche, tenuto conto che lo show room è diviso su tre livelli.

Il cliente, per la realizzazione di questo ambizioso ed unico progetto, dopo diverse ricerche di mercato nel settore del sollevamento, ha raggiunto e finalizzato il suo orientamento verso azienda che meglio era in grado di soddisfare le più ardite richieste di design volute dall’arch. Andrea Maffei: Gruppo Millepiani.

“Si è trattato di un progetto innovativo e gratificante” spiega Fabio Pellegrini Sales Manager, nonché Project Manager di questo progetto – “Forse il primo in assoluto per questa categoria di prodotto che ha visto lavorare in simbiosi Gruppo Millepiani e gli architetti del cliente per realizzare un’opera perfettamente integrata nell’ambiente circostante”.

Ascensore-Florim-Ceramiche-interno
La progettazione

Le problematiche architettoniche e strutturali dell’elevatore hanno da subito stimolato lo spirito creativo dell’azienda che ha saputo concretizzare le aspettative del Cliente in un vero e proprio progetto di qualità e affidabilità, caratteristiche che da sempre trovano riscontro nel know-how di Gruppo Millepiani.

Ascensore-Florim-Ceramiche-visuale
Diversi sono stati gli ostacoli tecnici che Gruppo Millepiani era consapevole di dover superare: innanzitutto la struttura dell’edificio in cui è stato installato l’ascensore, un edificio storico nel quale non era possibile vincolarsi alle strutture esistenti. Inoltre il cliente ha voluto realizzare una sorta di parallelepipedo in vetro senza interruzioni metalliche tipiche delle incastellature per ascensori, che ha richiesto la realizzazione di una struttura interna alta quasi 9 metri fissata al pavimento ed al soffitto solo con un giunto elastico superiore per evitare di trasmettere vibrazioni agli appartamenti sovrastanti. Infine l’ubicazione dell’edificio e le ridotte aperture per accedervi hanno richiesto l’utilizzo delle attrezzature specifiche per il trasporto ed il montaggio della struttura e del tamponamento in vetro.

“Credo che la caratteristica che meglio valorizza questo ascensore sia la presenza dei vetri con borchie stratificate, che hanno reso quasi invisibile qualsiasi elemento di fissaggio” – racconta Stefano Moneta, che ha seguito la progettazione di questo ascensore esclusivo – “di questo progetto ho apprezzato la possibilità di seguirne da zero lo sviluppo, dal foglio bianco fino alle fasi di montaggio in cantiere”.

L’installazione

Installare questo ascensore non è stato semplice. All’arrivo dei tecnici, il cantiere ancora non era pronto per ospitare i cristalli, buona parte delle murature non erano ancora ultimate, i pavimenti presentavano ancora dislivelli e i soffitti non esistevano: la maggior parte degli impianti idraulici ed elettrici erano ancora da realizzare.

“Ciò che più rendeva difficile le lavorazioni era l’enorme quantità di persone che lavoravano all’interno del cantiere (60 persone circa), le scale per muoversi tra i piani non erano pronte e ci siamo trovati a dover lavorare dov’era in corso un’altra lavorazione” racconta Christian Garbin, che ha preso parte all’installazione dell’ascensore. “In questo contesto far transitare cristalli di dimensioni e peso considerevoli è stato davvero difficile”.

Nonostante le difficoltà, l’installazione è stata portata a termine nei tempi richiesti e il risultato è un ascensore dalle caratteristiche tecniche peculiari: le porte Under Drive, il sistema di fissaggio delle guide di scorrimento completamente svincolato dall’edificio, la costruzione del vano e della cabina senza l’ausilio di ferro e acciaio a vista ma soprattutto gli smussi di tutti i cristalli, del vano e della cabina, a 45°.

“Di questo progetto molti sono stati gli aspetti che ho apprezzato” – racconta Christian – ma una delle cose che più mi ha entusiasmato è stato cercare di risolvere insieme a tutto il team, Massimo, Stefano, Gianni, Luca, Andrei, Matteo, Davide, Manuele, Andrea e Massimo, i tanti problemi che si sono presentati durante il montaggio”.

Aascensor-Florim-Ceramiche-esterno

Il punto di forza di questo prodotto? Il design.
Del resto, non sono mancati giudizi positivi da parte del cliente per l’eleganza raffinata dell’elevatore realizzato da Gruppo Millepiani, che ancora una volta sancisce l’abilità dell’azienda nella realizzazione di ascensori customizzati.
Linearità, complanarità, unicità del dettaglio e integrazione nell’ambiente circostante sono il risultato di questo progetto.



Potrebbero Interessarti


Richiedi un preventivo gratuito

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Seleziona Provincia (richiesto)

Azienda (richiesto)

Messaggio

* Consenso Privacy secondo la Privacy Policy