Installazione ascensore: metodi, costi, tempi e normative
3
Nov

Installazione ascensore: metodi, costi, tempi e normative

Ascensori

Non sempre l’ascensore è presente dall’origine all’interno di un condominio. E, quando sorge la necessità (o la preferenza) di installarlo, spesso le buone intenzioni naufragano dinanzi a regole, tempi, costi e metodi non chiari e suscettibili di differenti valutazioni. Cerchiamo dunque di fare un po’ di chiarezza su questo tema, riassumendo tutto quello che dovete sapere per poter procedere a una serena installazione del vostro prossimo ascensore.

 

Condominio o no?

Come risulta essere facilmente intuibile, l’installazione di un ascensore sarà più snella se avviene all’interno di una piena proprietà immobiliare. Nel caso in cui, invece, l’installazione debba avvenire all’interno di una proprietà condominiale, è bene ricordare che la sua opera rientra nella materia delle innovazioni, e che pertanto andranno adottate le maggioranze già richieste dall’art. 1136 c.c.. In questo caso, è inoltre bene predisporre una relazione strumentale adeguata e approfondita, che possa sancire eventuali margini di gravosità e che possa attestare l’assenza di eventuali danni alle proprietà individuali del singolo condomino (come può accadere, ad esempio, all’installazione di un ascensore che limita la visuale privata delle finestre della proprietà privata).

 

Costi installazione ascensore

Per quanto concerne i costi di installazione di un ascensore, la legge equipara oggi i criteri di riparto delle spese ex art 1124 c.c. per le scale, anche agli ascensori. Dunque, viene stabilito che i costi relativi all’installazione degli ascensori siano sostenuti dai proprietari delle unità immobiliari a cui serve l’impianto, con ripartizione per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari, e per metà in misura proporzionale all’altezza di ciascun piano del suolo, tenendo in considerazione che sono considerati piani anche le cantine, i palchi morti, le soffitte, le camere a tetto e i lastrici solari, se non sono di proprietà comune.

 

Ascensore interno o esterno?

Un altro tema piuttosto delicato quando si sta pianificando l’installazione di un ascensore in condominio o nella proprio esclusivo fabbricato, è legato alla scelta tra ascensore interno o esterno. A “complicare” la valutazione sono sopravvenute, nel corso degli anni, delle positive evoluzioni architettoniche e funzionali legate agli ascensori esterni, che mentre prima erano di riferimento (quasi) esclusivo in quelle sole situazioni in cui non fosse possibile installare un ascensore interno, oggi possono rivestire una condizione di pari dignità proprio in virtù della qualità e della “forma” estetica degli impianti.

 

Tempi installazione ascensore

Ulteriore tema oggetto di approfondimento è legato ai tempi di installazione dell’ascensore. Come risulta intuibile, è ben difficile poter generalizzare i tempi di installazione dell’impianto senza conoscere la specifica fattispecie: tra i vari elementi che possono influenzare i tempi, rendendoli più o meno estesi, rientrano ad esempio i piani da servire, la scelta dell’impianto interno / esterno, le caratteristiche di alimentazione e di fruibilità, gli eventuali lavori di integrazione strutturale, le eventuali autorizzazioni da ottenere, e così via.

 

Per questi e altri motivi, la scelta migliore è quella di affidarsi a un partner qualificato come Gruppo Millepiani: un operatore di riferimento nel settore, in grado di accompagnarvi, passo dopo passo, nel compimento dell’intero progetto di installazione del nuovo ascensore.

 



Potrebbero Interessarti


Richiedi un preventivo gratuito

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Seleziona Provincia (richiesto)

Azienda (richiesto)

Messaggio

* Consenso Privacy secondo la Privacy Policy