Ascensore in ferro battuto: una soluzione estetica senza tempo
4
Feb

Ascensore in ferro battuto: una soluzione estetica senza tempo

Ascensori

Per gli amanti della carpenteria e dello stile retrò, gli ascensori in ferro battuto rappresentano una delle migliori soluzioni estetiche senza tempo.

Questo tipo di elevatori possono essere assemblati sia internamente che esternamente ad un edificio privato o pubblico, ad un palazzo storico o ad un condominio.

Se si vuole aggiungere un tocco di bon ton ad un palazzo di pregio già esistente, gli ascensori vintage rappresentano la migliore scelta per garantire una sicurezza totale e un sostegno efficace.

L’intelaiatura e la struttura metallica di sostegno sono realizzate in ferro battuto o in acciaio inox.

Nelle città storiche non è difficile trovare ascensori panoramici in ferro battuto ubicati all’interno di sistemi ettometrici o di funicolari.

Scopriamo in questa guida quali sono le caratteristiche estetiche e tecnico-funzionali degli ascensori in ferro battuto.

 

Ascensori in ferro battuto: una soluzione outdoor e indoor

Per gli amanti della carpenteria e per chi ricerca soluzioni estetiche ed urbanistiche “evergreen”, gli ascensori in ferro sono tra i migliori sistemi impiantistici che possono essere installati.

Gli ascensori in ferro assicurano massima funzionalità, aumentano il valore immobiliare dell’edificio e consentono di conferire un tocco di personalizzazione al complesso urbanistico, grazie alle diverse lavorazioni a cui si presta questo metallo antico.

Il ferro battuto è un materiale pregiato che è sopravvissuto nel corso dei secoli e del progredire dello sviluppo tecnologico.

Oltre ad essere una soluzione sofisticata di interior design, gli ascensori in ferro battuto sono molto più versatili e richiesti per l’outdoor.

A seconda della lavorazione e dell’abbinamento con materiali moderni (vetro), il ferro battuto viene interpretato in vari stili: dalle soluzioni più lineari e prive di fronzoli, dal gusto minimal allo shabby chic, dall’industrial fino alle soluzioni country-moderne.

Gli impianti elevatori in ferro battuto si distinguono dalle altre soluzioni per le caratteristiche tecniche conferite dall’affidabilità e dalla durevolezza del materiale. Ciò viene a giustificare l’investimento sostenuto nel medio-lungo termine.

Il ferro battuto può essere trattato con appositi prodotti antiruggine e vernici resistenti agli agenti atmosferici e alle intemperie, proprio in virtù del suo massiccio impiego in ambienti esterni.

A seconda delle esigenze e dei dettagli estetici che si vogliono conferire ad una struttura urbanistica o architettonica, si può modificare anche lo stile della tromba dell’ascensore, impiegando le diverse lavorazioni del ferro battuto.

Ovviamente, per stabilire la soluzione più adatta, ti consigliamo di avvalerti dell’aiuto di uno specialista, come il Gruppo Millepiani S.p.A, indiscutibile leader nella progettazione e produzione di ascensori panoramici, ascensori esterni ed interni, montacarichi, piattaforme elevatrici e scale mobili.

Ovviamente, oltre alle caratteristiche estetiche, la progettazione e l’installazione degli ascensori panoramici esterni in ferro battuto devono garantire la massima sicurezza antisismica e agli agenti atmosferici.

Il ferro battuto e le verniciature esterne assicurano la massima resistenza all’ossidazione e all’infiltrazione di acqua, alle intemperie meteorologiche, al vento, alla grandine e agli sbalzi termici.

Per ottenere effetti estetici ancora più raffinati, si può optare per la ricercatezza di combinazioni stilistiche davvero uniche e di grande pregio.

Tra le soluzioni minimal, sempre più richieste dai consumatori business e consumer, si può optare per gli ascensori ed i montacarichi in ferro battuto con vetri pirolitici che filtrano la luce del sole.

In alternativa, si possono installare ascensori in ferro esterni con cristalli fumé colorati o Stopsol.

Per quanto concerne la forma dell’ascensore esterno in ferro, si può optare per la forma squadrata, rettangolare o per quella circolare.

 

Ascensori vintage: normativa di riferimento

Per quanto concerne le dimensioni dell’ascensore in ferro da installare all’interno di una casa, di un condominio, di un palazzo storico o di una struttura pubblica, l’individuazione delle “giuste” dimensioni richiede necessariamente il supporto e la consulenza di un validissimo esperto.

Per questo, i consulenti di Gruppo Millepiani sono a completa disposizione della propria clientela per poter individuare la migliore soluzione personalizzata, in linea con il dettato normativo cogente.

A tale proposito, anche per gli ascensori in ferro battuto vale la normativa D.M. 236/89.

Il dettato legislativo sancisce che il sistema elevatore debba avere una cabina di dimensioni minime tale da permetterne l’utilizzo da parte di ogni persona, inclusi i disabili e gli anziani.

Per consentire una facile fruizione da parte di tutti, le porte di piano e di cabina dell’ascensore in ferro devono essere di tipo automatico.

La normativa prevede che i tempi di apertura e di chiusura delle porte del sistema elevatore vintage debbano assicurare un comodo e agevole accesso.

Le bottoniere di comando devono essere posizionate ad un’altezza adeguata alle persone ipovedenti e ai soggetti disabili su sedia a ruote.

Al paragrafo 8.1.12, il decreto sancisce che:

  • negli stabili di nuova edificazione residenziali, l’ascensore deve avere la cabina di dimensioni minime di 1,30 m di profondità e 0,95 m di larghezza;
  • negli stabili di nuova edificazione non residenziali, l’ascensore deve avere la cabina di dimensioni minime di 1,40 m di profondità e 1,10 m di larghezza;
  • negli stabili preesistenti, nell’ipotesi in cui non sia possibile l’installazione di cabine di dimensioni superiori, l’ascensore in ferro battuto può avere una cabina di dimensioni minime di 1,20 m di profondità e 0,80 m di larghezza.

 

Ascensori in ferro battuto: tipologie

Per quanto concerne la scelta della tipologia di ascensori in ferro battuto, si può optare per quelli oleodinamici o idraulici e per quelli elettrici.

#1. Ascensori in ferro oleodinamici

Gli ascensori in ferro oleodinamici o idraulici sono adatti ai piccoli edifici, come i piccoli condomini e le residenze private.

Si tratta di sistemi elevatori che sono ideali per portate ridotte e hanno una velocità compresa tra 0,6 e 1 m/s.

I costi per installare gli ascensori in ferro idraulici sono più economici di quelli elettrici, mentre i costi di esercizio sono un po’ più elevati, per le spese di manutenzione e per i consumi di energia elettrica.

#2. Ascensori in ferro elettrici

Oltre a quelli idraulici, si può valutare la possibilità di installare gli ascensori elettrici o “a fune” che si prestano per installazioni in edifici con numerosi piani e a traffico di persone elevato.

Rispetto a quelli idraulici, gli ascensori in ferro elettrici hanno bassi consumi energetici, sono silenziosi e possono raggiungere anche velocità elevate (da 1 a 10 m/s).

La struttura di questi sistemi elevatori è assai più complessa di quella degli ascensori oleodinamici, per questo i tempi di montaggio possono essere maggiori.

Per maggiori informazioni o per richiedere un Preventivo personalizzato contatta Gruppo Millepiani S.p.A:

Telefono +39 02 96690901

Email: gruppo@gruppomillepiani.com

,



Potrebbero Interessarti


Richiedi un preventivo gratuito

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Seleziona Provincia (richiesto)

Azienda (richiesto)

Messaggio

* Consenso Privacy secondo la Privacy Policy